PagoASSO per i Comuni

Un prezioso alleato grazie al quale distribuire, a chi è in difficoltà, gli aiuti economici erogati dallo stato a fronte dell’emergenza causata da Covid-19.
Un sostegno alimentare avviato con l’ordinanza 658 della protezione civile che prosegue ancora oggi grazie all’erogazione dei diversi fondi regionali e comunitari attivati in questi mesi.

Unico obiettivo: il bene comune

PagoASSO consente ai Comuni di usufruire gratuitamente di uno strumento di gestione voucher semplice e sicuro, in grado di essere condiviso con gli esercenti e limitare quasi del tutto truffe e frodi.

La soluzione tecnologica pratica e flessibile che accantona definitivamente i soliti buoni cartacei a taglio fisso e titolo al portatore, e la loro fastidiosa incombenza di dover essere conservati insieme ai rispettivi scontrini, per poi essere rendicontati dettagliatamente a mano, uno alla volta.

Oggi però esiste una soluzione tecnologica che può ovviare a tutte queste problematiche:

PagoAsso consente ai Comune di avere uno strumento di gestione dei voucher semplice, condiviso con gli esercenti, che assicura trasparenza, rapidità, flessibilità e una forte limitazione delle frodi.

Come funziona per i Comuni

  1. Caricamento dati

    Dopo aver caricato, in forma anonima, i dati degli aventi diritto sulla piattaforma web pagoasso.it e i dati, georeferenziati, dei negozi abilitati, i Comuni distribuiscono delle carte di credito prepagate caricate dell’importo spettante a ciascun beneficiario. Ogni card può essere fisica, e quindi visivamente assimilabile a qualsiasi altra carta di credito, per non creare imbarazzo in chi la usa, o virtuale, da scaricare e utilizzare tramite smartphone.
  2. Transazioni

    Tutte le transazioni effettuate tramite card presso gli esercizi convenzionati PagoASSO, saranno automaticamente riportate sulla piattaforma pagoasso.it e consultabili in qualsiasi momento sia dagli esercenti che dal Comune, il quale avrà anche la possibilità di visionare sia i possessori della card, che la tipologia dei beni acquistati e le somme da corrispondere a ogni commerciante.
  3. Richiesta rimborso

    Con cadenza periodica, a propria scelta, l’esercente emetterà richiesta di rimborso al Comune sulla base di quanto già visibile sulla piattaforma, semplificando le procedure di rendicontazione e verifica da parte dell’ente, che potrà erogare le somme spettanti solo successivamente alla fornitura del servizio, senza così dover anticipare nulla. “Volendo condividere la responsabilità sociale di uscire quanto prima dall’emergenza imposta dalla pandemia, abbiamo scelto di donare la piattaforma ai Comuni italiani.”

Tutti gli altri vantaggi di scegliere PagoASSO

  • Implementazione immediata del sistema: 24 ore se si sceglie di distribuire solo card virtuali, una settimana se si ordinano le smart card personalizzate con il logo del Comune.
  • Abbattimento significativo dei costi di gestione legati a distribuzione, monitoraggio e rendicontazione.
  • Visibilità di utilizzo in tempo reale.
  • Elaborazione di statistiche con cui misurare l’impatto dell’intervento pubblico.
  • Sistemi di sicurezza che non permettono alla carte di essere rubate, ne tantomeno vendute, scambiate o cedute.
  • Possibilità di effettuare ricariche online, evitando così assembramenti presso uffici comunali.
  • Aspetto discreto e professionale che non crea imbarazzo nell’utilizzatore;
  • Creazione di circuiti di acquisto fra negozi di diversa categoria merceologica: alimentari, igiene, farmacie…

Richiedi assistenza

Per l’assistenza tecnica si prega di contattare il Comune di emissione della propria carta.

Aderisci
al circuito

Se sei un Comune o un Esercente che vuole aderire al circuito PagoASSO invia una richiesta.